NEL 2021 PARTE IL CHECK POINT HIV

I miei 2 cents per la Giornata mondiale contro l’Aids sono una cosa concreta che sta per nascere, dopo un lavoro durato più di un anno.

Grazie a un percorso partito dall’approvazione di mio un ordine del giorno, e proseguito con un lavoro svolto insieme alla Giunta regionale, all’Istituto Spallanzani di Roma e all’Azienda di servizi alla persona ‘Asilo Savoia’, nei primi mesi del 2021 sarà operativo nel Lazio il primo check point per la diagnosi precoce dell’Hiv: un presidio che sarà gestito da diverse associazioni Lgbtq+ e realtà impegnate nel contrasto all’Hiv, e che sarà fondamentale per la prevenzione, unica arma davvero efficace per combattere questa malattia.

Secondo i dati del Ministero della salute, dal 2017 è addirittura aumentata la quota di persone a cui viene diagnosticata tardivamente l’infezione: nel 2019 due terzi degli uomini e più della metà delle donne con nuova diagnosi di HIV sono stati intercettati tardivamente.

Il check point sarà un presidio accogliente, in cui le persone potranno sottoporsi al test dell’Hiv con più serenità rispetto alle normali strutture ospedaliere (tra l’altro in questo periodo sovraccaricate dalla pandemia), in orari flessibili e in totale anonimato: una soluzione concreta ed efficace per fare prevenzione e anticipare l’eventuale insorgenza della malattia, consentendo anche alle persone sieropositive, grazie alla diagnosi precoce, di condurre una vita normale.

Non si abbassa la guardia, insomma: e malgrado il Covid si cerca di tenerla alta coi fatti.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

RESTA IN CONTATTO PER AGGIORNAMENTI




    Dichiaro di accettare l'informativa privacy

    Commenta

    Seguimi

    Resta in contatto




      Dichiaro di accettare l'informativa privacy

      ajax-loader