La mia visita al carcere di Casal del Marmo

La mia visita al carcere di Casal del Marmo

Tempo di lettura: 2 minuti
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Stamattina sono stato in visita all’istituto penale minorile di Casal del Marmo insieme alla collega Marta Bonafoni e a Simone Sapienza.

Casal del Marmo è un carcere un po’ speciale, perché ospita i minorenni dai 14 anni in su e i giovani adulti fino ai 25 anni. Un luogo in cui, vista l’età dei detenuti, la rieducazione, la formazione e l’inclusione sociale sono ancora più importanti. Proprio per questo, malgrado il clima positivo e la dedizione degli operatori, spiace aver rilevato criticità che purtroppo sono comuni alle altre carceri della regione: in particolare il sottonumero del personale di polizia penitenziaria, che riduce inevitabilmente le attività degli ospiti, e la burocrazia dell’amministrazione penitenziaria, che causa ritardi nella ristrutturazione degli edifici e nell’acquisizione delle infrastrutture necessarie, tra cui il nuovo centralino che consentirebbe ai ragazzi di telefonare più frequentemente alle famiglie.

Il nostro auspicio è che questi problemi vengano risolti appena possibile, e che le carceri, specie quelle minorili, vengano viste sempre più come presidi di inclusione in cui investire per offrire strumenti di crescita alle persone, e non come luoghi di emarginazione che non possono portare alcun risultato positivo.

Post recenti

SE SEI INTERESSATO AL TEMA

Lascia il tuo nome e la tua mail usando il form qui a fianco: ti invierò aggiornamenti e notizie, e se vorrai ti farò arrivare una newsletter per raccontarti quello che faccio.

    SE SEI INTERESSATO AL TEMA

    Lascia il tuo nome e la tua mail usando il form qui sotto: ti invierò aggiornamenti e notizie, e se vorrai e ti farò arrivare una newsletter per raccontarti quello che faccio.

      Scroll to Top