La mia visita al carcere di Casal del Marmo

26 Dicembre 2019
26 Dicembre 2019 Alessandro

Stamattina sono stato in visita all’istituto penale minorile di Casal del Marmo insieme alla collega Marta Bonafoni e a Simone Sapienza.
Casal del Marmo è un carcere un po’ speciale, perché ospita i minorenni dai 14 anni in su e i giovani adulti fino ai 25 anni. Un luogo in cui, vista l’età dei detenuti, la rieducazione, la formazione e l’inclusione sociale sono ancora più importanti. Proprio per questo, malgrado il clima positivo e la dedizione degli operatori, spiace aver rilevato criticità che purtroppo sono comuni alle altre carceri della regione: in particolare il sottonumero del personale di polizia penitenziaria, che riduce inevitabilmente le attività degli ospiti, e la burocrazia dell’amministrazione penitenziaria, che causa ritardi nella ristrutturazione degli edifici e nell’acquisizione delle infrastrutture necessarie, tra cui il nuovo centralino che consentirebbe ai ragazzi di telefonare più frequentemente alle famiglie.
Il nostro auspicio è che questi problemi vengano risolti appena possibile, e che le carceri, specie quelle minorili, vengano viste sempre più come presidi di inclusione in cui investire per offrire strumenti di crescita alle persone, e non come luoghi di emarginazione che non possono portare alcun risultato positivo.

, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *