Cosa sta succedendo nel sistema di accoglienza

COSA STA SUCCEDENDO NEL SISTEMA DI ACCOGLIENZA:


In estrema sintesi, le ultime due circolari del Ministero degli Interni finalizzano gli effetti del decreto Salvini stabilendo che:

1. i titolari di protezione umanitaria non hanno più diritto ad alcuna misura di accoglienza (né nei centri Sprar, ora Siproimi, né nei Cas), e dunque sono destinati a finire in mezzo alla strada;

2. i richiedenti asilo non hanno più diritto a essere accolti nei centri Sprar (ora Siproimi) e devono “retrocedere” nei Cas, in cui il taglio dei fondi ha azzerato ogni servizio al di là di vitto e alloggio.

COSA ABBIAMO FATTO DAL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO:

1. grazie a un mio emendamento al bilancio dell’anno scorso, che ha stanziato 1,2 milioni in due anni, nella Regione Lazio continua a essere finanziata l’inclusione dei titolari di protezione umanitaria più vulnerabili;

2. grazie a un mio emendamento nel bilancio che abbiamo approvato oggi, 700mila euro sono stati destinati a fornire servizi di integrazione (corsi di italiano e formazione professionale) anche nei Cas della regione, in modo che chi vi alloggia possa recuperare gli strumenti di integrazione che il decreto Salvini ha tagliato.

Queste sono le vere misure per la “sicurezza”.
Il resto è propaganda, emarginazione e caos.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

RESTA IN CONTATTO PER AGGIORNAMENTI




    Dichiaro di accettare l'informativa privacy

    Commenta

    Seguimi

    Resta in contatto




      Dichiaro di accettare l'informativa privacy

      ajax-loader