rain
Alessandro Capriccioli

il mio blog

BALNEARI: BONAFONI/CAPRICCIOLI/LEONORI, SU PROROGHE VOTO NON UNANIME

BALNEARI: BONAFONI/CAPRICCIOLI/LEONORI, SU PROROGHE VOTO NON UNANIME

In una nota del gruppo consiliare di Fratelli d’Italia alla Regione Lazio, relativa alla loro mozione che sosteneva la proroga delle concessioni balneari e la definizione agevolata dei contenziosi fiscali pendenti, il risultato del voto è stato riportato in maniera errata. La mozione non è stata infatti votata all’unanimità, ma ha visto tra i presenti i voti contrari dei consiglieri della Lista Civica Zingaretti Marta Bonafoni, Gino De Paolis e Gianluca Quadrana, di +Europa Radicali Alessandro Capriccioli e del Pd Marta Leonori. La mozione è dunque stata approvata a maggioranza con 5 voti contrari.

Rems, Capriccioli/Bonafoni: aula approva nostra mozione per garantire spazi esterni a pazienti Rems

Rems, Capriccioli/Bonafoni: aula approva nostra mozione per garantire spazi esterni a pazienti Rems

“Oggi il consiglio regionale del Lazio ha approvato la mozione a nostra prima firma che impegna il presidente e la Giunta a verificare e mettere in atto tutte le misure per garantire adeguati spazi esterni a chi sconta la pena nelle Residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza (Rems) del Lazio”
Lo dichiarano in una nota Alessandro Capriccioli e Marta Bonafoni, capigruppo di +Europa Radicali e della Lista Civica Zingaretti al consiglio regionale del Lazio.
“Durante il periodo del lockdown siamo intervenuti, al fianco del Garante Stefano Anastasìa, sulla vicenda della Rems di Palombara Sabina, in cui il sindaco si era opposto alla possibilità che i pazienti usassero un’area recintata dalla Asl nel parcheggio antistante la struttura per ovviare alla mancanza di uno spazio adeguato.
Infatti, seppure previsti dal decreto ministeriale come requisiti essenziali, gli spazi esterni non sono effettivamente presenti in tutte le strutture della regione. Garantire ai pazienti delle Rems la possibilità di trascorrere alcune ore del giorno all’aperto non è importante solo nel particolare momento storico che stiamo vivendo, in cui tutte le altre attività sono state sospese, ma è e tornerà a essere di cruciale importanza anche nella normalità della vita quotidiana che ci auguriamo riprenda quanto prima”.

CARCERI, CAPRICCIOLI (+EU): CON ‘RIAPERTURA’ RICOMINCIANO VISITE A ISTITUTI, OGGI CASAL DEL MARMO

CARCERI, CAPRICCIOLI (+EU): CON ‘RIAPERTURA’ RICOMINCIANO VISITE A ISTITUTI, OGGI CASAL DEL MARMO

“Per noi la ‘riapertura’ è anche questo: poter finalmente tornare nelle carceri e negli istituti penali per ricominciare a verificarne le condizioni, a maggior ragione nella fase delicatissima che il paese sta attraversando”.
Così su Facebook Alessandro Capriccioli, consigliere regionale del Lazio di +Europa Radicali.
“Come prima uscita abbiamo scelto Casal del Marmo, l’istituto in cui si trovano i minori e i giovani adulti, per capire come abbiano vissuto questa fase complicata. Abbiamo potuto verificare un ottimo livello di informazione sull’epidemia, che ha responsabilizzato i ragazzi e li ha aiutati a sopportare con serenità la sospensione dei colloqui e delle attività promosse dall’esterno, insieme all’attivazione di strumenti come le videochiamate che hanno consentito loro di restare comunque in contatto con le persone a cui vogliono bene.
Mi auguro che dopo il definitivo ritorno alla “normalità” quegli strumenti non vengano messi da parte ma continuino a essere utilizzati, insieme ai colloqui tradizionali, per garantire non solo ai ragazzi e alle ragazze di Casal del Marmo, ma a tutti i detenuti della nostra regione, delle possibilità in più per coltivare il rapporto con l’esterno: e perciò, in poche parole, per vivere meglio”.

Lazio, Capriccioli: ok da commissione a legge partecipazione

Lazio, Capriccioli (+Eu)/Porrello (M5S): ok da commissione a legge partecipazione, cittadini sempre più vicini alle istituzioni

“La proposta di legge a nostra prima firma, che intende rafforzare gli istituti di partecipazione popolare, è stata licenziata questa mattina dalla commissione Affari Costituzionali del consiglio regionale del Lazio: ora si attende solo il passaggio in Aula”. Lo dichiarano in una nota Alessandro Capriccioli, capogruppo di +Europa Radicali al consiglio regionale del Lazio e Devid Porrello, consigliere del M5S e vice presidente del consiglio regionale.

“Il testo, oltre a rafforzare gli istituti di partecipazione popolare, disciplina e rende operativo il referendum propositivo e consultivo, previsto dalla Regione Lazio dal 2004 ma non ancora disciplinato, e favorisce l’uso delle nuove tecnologie nel processo di partecipazione.  Attraverso il Portale della Partecipazione i cittadini del Lazio potranno conoscere e attivare gli istituti di democrazia diretta per una partecipazione più attiva al processo democratico.

Anche in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo è importante procedere sui diritti e promuovere la partecipazione dei cittadini alla vita democratica della regione e del paese”, concludono.

RAGGI USA GOGNA PUBBLICA PER MASCHERARE PROPRIA INADEGUATEZZA

RAGGI USA GOGNA PUBBLICA PER MASCHERARE PROPRIA INADEGUATEZZA

“Stamattina, dalle pagine di Repubblica, la Sindaca Raggi ci informa che a Roma ‘è rinato un senso civico’ grazie alla pubblicazione, da parte del Comune, dei video di chi sporca la città e dei ‘cittadini che si indignano’ dopo averli visionati”. Così in una nota Alessandro Capriccioli, consigliere regionale di +Europa Radicali.
“A me pare che chi viola la legge debba essere semplicemente sanzionato, non esposto al pubblico ludibrio; che utilizzare la gogna pubblica come strumento di deterrenza abbia più a che fare con la propaganda che con la responsabilità necessaria per governare; che sollecitare l’indignazione dei cittadini contro i ‘cattivi’ (o gli ‘zozzoni’, come la Sindaca ama definirli) rappresenti più il tentativo di sviare l’attenzione dalla propria inadeguatezza che lo strumento per far rinascere un supposto ‘senso civico’. E’ la declinazione, per giunta rivendicata, di una cultura dell’odio letteralmente spaventosa che ormai si è fatta prassi, in barba alle regole di civile e serena convivenza che dovrebbero valere per le istituzioni, prima ancora che per i cittadini. I romani, Sindaca Raggi, hanno bisogno di essere governati, non svergognati: assecondare e stimolare gli istinti più bassi dei loro concittadini non può e non deve servire per coprire l’inefficacia di un’amministrazione allo sbando”.