Approvata la mozione per mettere in sicurezza l’ex carcere di Santo Stefano

29 Ottobre 2019
Posted in Articoli
29 Ottobre 2019 Alessandro

Questo pomeriggio il Consiglio regionale del Lazio ha approvato una mozione a mia prima firma che impegna la Giunta e il presidente della Regione ad attivarsi presso il Governo italiano e il Mibact affinché i fondi già stanziati con delibera del 1° maggio 2016 dal Cipe, che ammontano a 70 milioni di euro, vengano utilizzati e si provveda al più presto alla manutenzione e alla messa in sicurezza dell’ex carcere di Santo Stefano e dei luoghi limitrofi, per evitare ulteriori danni strutturali che ne comprometterebbero definitivamente il valore. Nella struttura, già dal 1799, sono stati segregati i liberali insorti durante i primi moti rivoluzionari di Napoli e i patrioti italiani Luigi Settembrini e Silvio Spaventa. Sul finire del 1800 l’ergastolo fu usato per rinchiudervi gli anarchici che attentarono alla vita del re Umberto I, tra questi Pietro Acciarito e dopo soli due anni l’anarchico Gaetano Bresci. Durante il ventennio fascista, con le leggi speciali del 1926, vi sono stati rinchiusi molti antifascisti come Sandro Pertini e Umberto Terracini.
Non si tratta soltanto di un unicum di enorme valore architettonico, ma di un luogo di straordinaria importanza per la storia e la cultura del nostro paese.
Il prossimo passo sarà riconoscere Ventotene come luogo della memoria, attraverso una proposta di legge che ho già depositato: mai come in questo periodo storico è importante rilanciare, anche attraverso la tutela dei luoghi, l’idea di Europa e il sogno che essa porta con sé.

, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *