AGGIORNAMENTO COVID DELL’11 MARZO

La media mobile a 7 giorni dei nuovi casi (grafico 1) aumenta ancora, ma la sensazione è che aumenti (quasi) esclusivamente perché stiamo testando di più: infatti la media settimanale del rapporto tra nuovi casi e tamponi molecolari (grafico 2) sembra stabile, così come la media settimanale del rapporto tra nuovi casi e totale dei tamponi (molecolari + antigenici) e del rapporto tra nuovi casi e soggetti testati (grafico 3).Ciò detto, ovviamente i ricoveri ordinari (grafico 4) e le terapie intensive (grafico 5) continuano a salire, così com’è insalata la media mobile a 7 giorni dei nuovi ingressi in terapia (grafico 6) intensiva: dico ovviamente perché ormai sappiamo bene che i ricoveri reagiscono con un certo ritardo rispetto all’andamento dei contagi, e dunque gli incrementi che vediamo oggi sono i risultati della situazione epidemica di un paio di settimane fa.Stesso discorso, con la precisazione che qua il ritardo è ancora più grande, per i decessi (grafico 7), la cui media mobile a 7 giorni continua a salire (e salirà ulteriormente anche nel caso in cui l’epidemia rallentasse, perché è il risultato di quello che è successo tre settimane fa e anche più). Morale: l’aria è quella di un nuovo picco, o meglio di un plateau. Se così fosse, complici la bella stagione che incombe e le vaccinazioni (che vanno a rilento, ma che comunque in qualche misura incidono), potremmo aspettarci un progressivo calo dei contagi nelle prossime settimane, con una conseguente riduzione (in ritardo) dei ricoveri e (con ritardo ancora maggiore) dei decessi.Speriamo bene.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

RESTA IN CONTATTO PER AGGIORNAMENTI




    Dichiaro di accettare l'informativa privacy

    Commenta

    Seguimi

    Resta in contatto




      Dichiaro di accettare l'informativa privacy

      ajax-loader