AGGIORNAMENTO COVID DEL 29 OTTOBRE

A

La media settimanale del rapporto tra nuovi casi e soggetti testati nel paese arriva al 20,07% contro il 18,99% di ieri, con un valore secco giornaliero (record, purtroppo) del 22,57% e una ritmo di crescita che riprende ad aumentare (negli ultimi 7 giorni 13,75% – 14,90% – 16,14% – 16,94% – 18,04% – 18,99% – 20,07%).

Come temevamo, dei timidi segnali positivi intravisti ieri e l’altroieri non c’è più traccia: la media settimanale continua da aumentare, ma la novità di oggi è che anche il valore secco giornaliero, in diminuzione sia martedì che mercoledì, riprende a salire. Nessuna stabilizzazione, dunque, almeno per il momento, e valori altissimi che continuano a rivelare sistemi di tracciamento sempre più compromessi in molte (moltissime) regioni del paese (ormai sappiamo che il limite per considerare il test and tracing efficace si attesta intorno al 3%, vero?). Nel grafico che segue potete vedere il rapporto settimanale tra nuovi casi e soggetti testati nelle diverse regioni, in ordine decrescente di valore (cioè partendo da quelle che sono messe peggio e finendo con quelle che sono messe meglio, o per dirlo in modo più appropriato meno peggio).

Anche oggi, insomma, i valori sono elevatissimi, e in crescita praticamente ovunque: per capirci, sotto al 10% sono ormai rimaste soltanto la Basilicata, la Calabria e Lazio.

I ricoverati in reparto ordinario sono 15.964, 983 più di ieri: siamo al 55% (cioè ben oltre la metà) del picco massimo (29.010 il 4 aprile), e cominciamo ad avvicinarci al quadruplo dei ricoverati (4.316) il 9 marzo, giorno in cui fu annunciato il primo lockdown.

I ricoverati in terapia intensiva sono 1.651, 115 più di ieri: siamo al 40,6%, cioè a ben oltre un terzo, del picco massimo (4.068 il 3 aprile), e a più del doppio rispetto ai ricoverati in terapia intensiva (733) del 9 marzo, giorno in cui fu annunciato il primo lockdown. A occhio e croce il tempo di raddoppio dei ricoveri in terapia intensiva è intorno ai 9 giorni: cosa che, di questo passo, ci porterebbe ad avere 3.300 terapie intensive tra dieci giorni, 6.600 tra venti giorni e intorno ai 13.200 (più del triplo del picco massimo, e temo ben oltre i posti disponibili) entro un mese.

Tanto per fare la solita verifica sull’attendibilità dei calcoli effettuati utilizzando il tempo di raddoppio, il 19 ottobre avevo postato una proiezione a 1.600 ricoverati in terapia intensiva di lì a dieci giorni (cioè oggi). A occhio e croce ci siamo, anche se la forbice tra previsione e dato effettivo, che ieri era pari a 36 unità, oggi diventa un pochino più grande .

I decessi settimanali sono 1.154, 81 in più rispetto a ieri, e si avviano a raggiungere il triplo dei decessi settimanali (411) del 9 marzo, giorno in cui fu annunciato il primo lockdown.

Nel Lazio la media settimanale del rapporto tra nuovi casi e soggetti testati sale a quota 9,49% rispetto al 9,08% di ieri, con un dato secco giornaliero (praticamente uguale a quello di ieri e l’altroieri) del 9,83%. In questo caso la vaga sensazione di possibile avvio alla stabilizzazione che abbiamo intravisto ieri sembra confermarsi, anche se è ancora possibile (per non dire probabile) che si tratti semplicemente di due o tre fluttuazioni verso il basso consecutive. I ricoveri ordinari sono 1.786, 11 più di ieri e ormai decisamente superiori al picco massimo di 1.468 il 28 aprile) e quelli in terapia intensiva (168, due in più di ieri e pari all’82,8% rispetto al picco massimo di 203 l’11 aprile).


Insomma, ieri avevamo intravisto dei piccoli segnali positivi che oggi , perlomeno a livello nazionale, sembrano essere svaniti. Non credo, per la verità, che ci fossimo fatti illusioni: avevamo premesso mille volte che per parlare di stabilizzazione sarebbe stato necessario aspettare qualche giorno e verificare l’andamento dei dati. I quali dati, purtroppo, diventano ogni giorno più critici, così come ogni giorno si riduce il tempo di manovra a disposizione per evitare il collasso dei nostri sistemi sanitari.

Attendiamo, ammesso che ce ne siano, gli effetti delle misure restrittive di qualche giorno fa: nella consapevolezza del fatto (perché le cose dobbiamo dircele) che, qualora dovessero rivelarsi insufficienti, potremmo essere fuori tempo massimo per correggerle.

PER RICEVERE AGGIORNAMENTI RESTA IN CONTATTO

    Aggiungi un commento

    Seguimi

    Resta in contatto